giovedì 10 novembre 2016

Seguendo la cometa 4 – Moduli

C'è un momento in cui ti rendi conto che se hai aggiornato anche una sola volta le graduatorie docenti senza aiuto puoi conquistare il mondo...

Vi segnalo intanto anche una bella recensione alla mia antologia, la trovate qui. Grazie di cuore a Stefano Sacchi che, per altro, deve aver letto il libro in tempo record! Vi ricordo che La spada, il cuore e lo zaffiro è comodamente acquistabile su amazon o sul sito di Rill.

13 commenti:

  1. Ahaha, vedi?
    Hai già visto di peggio XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutto il male viene per nuocere...

      Elimina
  2. Io ne ho compilata una sola, di graduatorie docenti, e sono entrata talmente in crisi che dei corsi e delle certificazioni non li ho nemmeno inseriti perché non sono riuscita a capire dove metterli. Yuppi.

    Bella la recensione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima graduatoria non si scorda mai. Vorrei dire che poi migliora, ma no, ogni volta è un incubo. Poi però qualsiasi altra procedura burocratica è più facile...

      Elimina
  3. Vorresti forse insinuare che i nostri apparati pubblici hanno qualche procedura burocratica in eccesso?
    ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, cosa te lo fa pensare? Lunghi da me...

      Elimina
  4. Mi piacerebbe indire una sfida:
    moduli graduatorie docenti
    vs.
    moduli utilizzati per la gestione qualità di una concessionaria autostradale

    Forse sono avvantaggiata perché i secondi li scrivo io, però non ho idea di chi possa vincere. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so. Però le graduatorie docenti fanno impallidire qualsiasi altra cosa in cui io mi sia imbattuta. E negli ultimi anni ho combattuto contro un sacco di scartoffie...

      Elimina
  5. Dovresti quasi ringraziare il Ministero della Pubblica Istruzione perché ti ha temprato, allora...

    RispondiElimina
  6. Ciao Antonella, sono una disegnatrice (molto) amatoriale ma ho voluto provare a illustrare le tue storie perché le ho trovate di grande ispirazione. Non trovando un tuo indirizzo email ho provato a inviarti le bozze su facebook, spero tu possa vederle. Ho una bimba anch'io , quando era piccola per poter leggere con lei in braccio usavo un Kindle ; bisogna rinunciare al piacere della carta ma in cambio è possibile manovrare tomi di migliaia di pagine al peso standard di 350 g ! complimenti per tutto e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viola, scusa, il tuo commento mi era sfuggito. Controllo su fb se è arrivato qualcosa, scusa il ritardo

      Elimina
  7. PS dimenticavo: anche io docente precaria fino a anno scorso, ho compilato quel maledetto modulo almeno 4 volte :-D

    RispondiElimina