venerdì 24 maggio 2013

24 maggio col piumino




... E anche col piumone.
Strane giornate, come di un febbraio mai terminato, col cielo sempre grigio e l'ombrello sempre in borsa. Il Nik (a casa con una bronchite degna del peggior gennaio) dice che è colpa mia: ho amato tanto la Scozia, l'estate scorsa, che il clima scozzese ha capito che ora non posso tornare da lui e quindi è venuto a trovare me. Per questo ho scelto la foto con la mucca, che dà un'idea del clima

Intanto il tempo scorre e l'anno scolastico pian piano finisce, troppo piano per la pazienza terminata già molto tempo fa, troppo veloce per i programmi che solo io, non certo i ragazzi, sento l'esigenza di terminare.

Intanto continuano le presentazioni e tra una corsa e l'altra, sempre con l'ombrello, tra un genitore da accompagnare a una visita, un collegio docenti e un seminario sul giallo, mi sforzo di continuare a inventare storie.
Ho cercato di sfruttare il marito farmacista come consulente, ma lui dice che sto diventando troppo brava ad architettare delitti e mi guarda male. Se all'inizio, quando scrivevo i primi racconti gialli, non sapevo immedesimarmi nell'assassino adesso rischio anche di fare il delitto perfetto, ma senza cattiveria, solo per amor di trama.

E intanto qualcuno legge quello che scrivo e a tutti loro va il mio più grande grazie.
Che cosa rende tale uno scrittore? Ci si chiede sempre il rete.
Uno scrittore è tale, a mio parere, se ciò che scrive viene letto. Un libro esiste solo nel momento in cui viene aperto e un personaggio vive solo nella mente di un lettore che lo immagina.
E quindi grazie a tutti coloro che permettono alle mie storie di vivere

5 commenti:

  1. Non è un amore, la mucca scozzese?

    RispondiElimina
  2. Ok devi ambientare una storia in Scozia, ammesso tu non l'abbia già fatto ^^
    E' perché tuo marito è farmacista che finite per parlare di scienza al bar?
    Per me e la mia dolce metà sarebbe impossibile: io scrivo, lui insegna lettere...
    Bellissima la definizione dello scrittore: è chi viene letto. D'accordissimo.
    Ti auguro tante tante presentazioni, te lo meriti!
    Un abbraccio molto piovoso!

    RispondiElimina
  3. Ciao mia gioia! Passo solo in un lampo per augurarti buone relazioni finali, buoni scrutini e buone mucche scozzesi!!!!!
    PS dovevi metterne una con il kilt!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella con kilt non l'ho incontrata. In compenso questa ci sbarrava la strada... E prima o poi posterò la foto del suo consorte biondo e coi boccoli

      Elimina
  4. infatti scrivere per se stessi è un po' la bufala di chi si accontenta.
    Vedi vedi che ho fatto bne a non andare in Scozia : )
    baci Sandra quella dei libri

    RispondiElimina