giovedì 13 novembre 2014

Se la barca va (sul tetto della scuola)


Nell'occhio del ciclone, tra una perturbazione e l'altra, l'esondazione rivela scorci di grande bellezza, pagati, purtroppo, a un prezzo troppo alto.
Ma cosa ci faccio io di mattina, in mezzo all'alluvione, a scattare foto?
Semplice, andavo al lavoro.

Ecco la Scuola col Pontile oggi.


Ve lo state chiedendo, vero?
Le lezioni si sono svolte regolarmente, anche se all'intervallo abbiamo dovuto andare a ripescare qualcuno che stava giocando nell'acqua...

Se la situazione non dovesse migliorare, chissà se ci forniranno almeno un mezzo adatto...


15 commenti:

  1. Pazzesco! Speriamo che il peggio sia passato! Incredibile, tengono le scuole aperte? Cos'è, fate lezione di nuoto?!?
    PS: bel posto però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stivaloni d'ordinanza. Purtroppo, secondo le previsioni del tempo, il peggio non è passato...

      Elimina
    2. Vedremo domani... pare che le previsioni siano state ritoccate un pochino in meglio. Speriamo.

      Elimina
  2. Non so in Piemonte, ma qui da noi domani ci sarà di nuovo allerta 1. Da domenica, invece, pare tornerà il sole, ma con un abbassamento delle temperature di anche dieci gradi.
    Comunque i colori dell'aiuola nella prima foto continuano ad incantarmi. Mi hanno colpita fin da quando l'ho vista per la prima volta su facebook.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orta è bellissima anche nei momenti peggiori...

      Elimina
  3. davvero belle le foto...rubo la prima e ne faccio lo sfondo del mio PC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti io l'ho usata per fb. La bellezza ci sorprende sempre anche nei momenti più impensati

      Elimina
  4. Grande prof è bellissimooooo!!!!!

    RispondiElimina
  5. ops ho dimenticato il nome
    ale 2002

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento e benvenuto sul blog, Ale 2002

      Elimina
    2. pergo non c'è di che
      ale2002

      Elimina
  6. Dove sono finiti i vantaggi delle nostre zone temperate? Qui siamo da sempre abituati a un rapporto conciliante con la natura, salvo qualche eruzione e terremoto, non frequenti. Adesso siamo catapultati nella grande famiglia umana di coloro che con la natura devono farci i conti ogni giorno o quasi. Qualcosa da imparare ci sarà, ma sarebbe bello impararlo in altri modi.

    RispondiElimina
  7. Era da molto che il lago non saliva così, ma non è la prima volta. Un'alunna ha recuperato delle foto scattate dalla nonna con una barca nella piazza del paese. Questo ci dà la forza della consapevolezza che come se ne è usciti quella volta ne usciremo anche adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ultima volta è uscito nel 1986 però non così tanto
      ale2002

      Elimina