mercoledì 29 marzo 2017

Seguendo la cometa 18 – Certificato di matrimonio

L'Italia è quel paese in cui se devi presentare un certificato di matrimonio, a un certo punto arrivi a dubitare di esserti davvero sposato!

14 commenti:

  1. É davvero incredibile pensare che possano addirittura esistere versioni diverse dello stesso certificato... La burocrazia è davvero un mostro che si nutre di se stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del certificato di matrimonio alla fine ne abbiamo avute cinque diverse. La cosa più folle, secondo me, è il dover andare di persona nelle varie anagrafi perché non esiste un sistema centralizzato. Chissà se è così anche all'estero...

      Elimina
  2. L'impiegato dall'aspetto luciferino è il massimo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo tornerà, è stato un mostro difficile da sconfiggere.

      Elimina
  3. Bella anche l'immagine dell'auto che si fa un botto di strada per accontentare la richiesta.
    Sandra

    RispondiElimina
  4. L'impiegato della Prefettura con l'aria luciferina non vede l'ora di esercitare il suo potere. In realtà il certificato valido cambia a seconda del suo umore, quindi di minuto in minuto.

    RispondiElimina
  5. Guardala dal lato positivo: almeno i vostri uffici non sono stati decimati da uno scandalo. In seguito all'episodio dei furbetti (ottobre 2015) l'anagrafe di Sanremo ha iniziato ad aprire solo 2 ore al giorno. Non so se sia ancora così perché (grazie al cielo) non ne ho avuto bisogno, però so che questa cosa ha fatto impazzire tutti, con file chilometriche che arrivavano fin quasi in strada...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questo effetto collaterale dello scandalo me lo ero perso. Credo sarei impazzita.

      Elimina
  6. Divertita dalla macchinina in movimento, meno divertita dalle ragioni per cui lo è! :)

    RispondiElimina